ICRS (International Celestial Reference System) è un sistema di riferimento baricentrico, “quasi-inerziale” (che non ruota cinematicamente) e indipendente dal tempo, adottato come riferimento standard dall’IAU a partire dal gennaio del 1998.

Gli assi del sistema sono definiti in base alle posizioni di 212 sorgenti extragalattiche molto lontane (QUASAR), e relative incertezze, osservate con un sistema di interferometria (Very Long Baseline Interferometry – VLBI). Le 212 sorgenti fanno parte di un catalogo ancora più ampio (International Celestial Reference Frame – ICRF) di oggetti osservati con questo metodo.

Sebbene un sistema realmente inerziale non esista, le sorgenti sono talmente lontane che il loro moto angolare è praticamente zero, quindi possiamo considerare le direzioni degli assi come “fisse” nello spazio. L’origine degli assi ha un’epoca: è la posizione che il baricentro del Sistema Solare aveva l’1 gennaio del 2000.

Derivati dall’ICRS sono altri due sistemi di riferimento molto simili ma inseriti nel contesto della Relatività Generale: il BCRS (Barycentric Celestial Reference System) centrato sul baricentro del Sistema Solare e il GCRS (Geocentric Celestial Reference System) che è il corrispondente geocentrico.

L’ICRS è attualmente utilizzato in Astronomia come il riferimento standard per determinare la posizione di tutti i corpi del Sistema Solare, compresa la Terra.

Lascia un commento