Introduzione

E’ una costruzione grafica descritta da Marco Vitruvio Pollione nel suo trattato De Architectura scritto intorno al 15 a.C. (vedi una traduzione in Liberliber.it). Il nono libro del trattato parla di astrologia, gnomonica, orologi solari, orologi ad acqua e, fra le altre cose spiega il metodo per disegnare l’analemma.

(A fianco: un disegno dell’analemma di Vitruvio in un testo di Cesare Cesariano del 1521)

Alla fine della descrizione, Vitruvio afferma che l’analemma è utile per disegnare vari tipi di orologi solari ma si rifiuta di dare esempi sul suo utilizzo (“Tutte queste cose tralascio non per pigrizia, ma per non annoiare col soverchio scrivere…“). Successivamente, anche Tolomeo (II secolo d.C.) discute dell’analemma in un suo trattato, ma si tratta di qualcosa di abbastanza diverso da quello di Vitruvio, in ogni caso, nemmeno in questo caso se ne possono evincere le applicazioni pratiche perché il testo è incompeto. Vari studiosi hanno elaborato l’analemma di Vitruvio formulandone ipotesi di funzionamento. Qui descriviamo la costruzione di un analemma e un suo possibile utilizzo.

Torna a:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *