La verticale geocentrica è la retta che congiunge un punto della superficie terrestre con il centro ideale della Terra. In ogni punto della superficie, essa forma un angolo rispetto alla ** verticale geodetica, chiamato angolo della verticale. Quest’ultimo ha una sola componente nord-sud e dipende matematicamente dalla latitudine geodetica: diventa zero ai poli e all’equatore, e diventa massima a 45° di latitudine, con un valore di poco più di 11′ e mezzo (valore che dipende dall’ **ellissoide di riferimento scelto) ed è in genere molto più consistente rispetto alla **deflessione della verticale, specialmente intorno alle latitudini \pm45^\circ.

verticale geocentricaQui è rappresentato l’**ellissoide di riferimento.

C:  il centro della Terra
O: un punto della superficie
OK: è la **verticale geodetica
OC: la verticale geocentrica
Pn: polo nord geografico
PO: la direzione del ** polo nord celeste
AB: piano tangente all’ellissoide per il punto
PnC: l’asse minore  dell’ellissoide
CE: l’asse maggiore dell’ellissoide sul piano dell’**equatore
OKE: latitudine geodetica (\phi), cioè l’angolo tra la **verticale geodetica e il piano dell’equatore
OCE: latitudine geocentrica (\phi\text{'}), cioè l’angolo formato dalla verticale geocentrica con l’equatore
COK: angolo della verticale

L’angolo della verticale è uguale alla differenza tra \phi e \phi\text{'}.

Si nota che per latitudini intermedie, tra il polo nord e l’equatore, \phi  è sempre maggiore di \phi\text{'}.

In maggior dettaglio, l’angolo alla verticale V alle varie latitudini, si può calcolare in funzione di \phi con la seguente formula (Jean Meeus, Astronomical Algorithms, 1999):

    \[ V=692\text{''}.73 \sin \left(2\phi\right)-1\text{''}.16\sin\left(4\phi\right) \]

 Si nota che \sin\left(2\phi\right) è un valore compreso tra 0 e 1; vale 1 se \phi=45^\circ  e vale zero se \phi=90^\circ  oppure \phi=0^\circ.

Vedi anche: **verticali e sistemi di coordinate geografiche.

Lascia un commento