Questo sistema di coordinate astronomiche ha come direzione e piano fondamentali rispettivamente l’asse celeste e il piano dell’equatore. Questi due riferimenti sono gli stessi del sistema equatoriale. Invece l’origine dell’ascissa sferica è il mezzocielo superiore e non il punto gamma. La definizione dei cerchi orari e dei paralleli celesti sono uguali a quelle del sistema equatoriale.

Le coordinate sferiche di questo sistema sono:

Angolo orario (\boldsymbol{H}) di un astro (\boldsymbol{T}) è la distanza sferica (\boldsymbol{MB}) tra il meridiano superiore e l’orario che passa per l’astro (\bf{M} rappresenta il mezzocielo superiore e \bf{B} il piede dell’orario dell’astro.

Si misura in ore e frazioni di ora lungo l’equatore celeste, partendo dal meridiano superiore, e cresce da 0° a 360° in senso orario per un osservatore rivolto verso sud e in senso antiorario per un osservatore rivolto a nord. L’angolo orario è alla base della definizione di giorno dell’astro, e delle scale di tempo legate alla rotazie terrestre.

Declinazione (\boldsymbol{\delta}) di un astro \boldsymbol{T} rappresenta la distanza sferica tra l’astro e l’equatore celeste, misurata lungo il cerchio orario che passa per tale astro. Si misura in gradi con segno positivo verso il polo nord celeste (da 0° a 90°) e negativo verso il polo sud (da 0° a -90°). E’ identica alla declinazione del sistema equatoriale.

 

In questa immagine si rappresentato i riferimenti del sistema orario per un osservatore (\boldsymbol{O}) che si trova alle latitudini boreali (il punto \boldsymbol{M} è il mezzocielo superiore).

 Il sistema di riferimento orario, a differenza del sistema equatoriale, è un sistema locale: due osservatori posti a diversa longitudine che misurano simultaneamente l’angolo orario di una stessa stella ottengono valori diversi e la differenza tra i due valori sarà uguale alla differenza tra le due longitudini. D’altra parte l’angolo orario e l’ascensione retta di un astro sono legati tra loro da una semplice relazione aritmetica con il tempo siderale. Di qui l’importanza storica del sistema di riferimento orario nelle misure di tempo e nella determinazione della posizione geografica.

Vedi anche tempo siderale.

Vedi:

Lascia un commento