Se osserviamo e annotiamo la posizione del Sole ogni giorno alla stessa ora, vediamo che essa cambia gradualmente nel corso dell’anno.

Il cambiamento principale è in altezza: tutti sanno che il Sole estivo è più alto dall’orizzonte rispetto a quello invernale e il fenomeno, responsabile dei cambiamenti climatici stagionali, è dovuto all’inclinazione dell’asse terrestre rispetto al piano della sua orbita attorno al Sole (vedi obliquità dell’eclittica). Più precisamente si tratta di una variazione della declinazione del Sole, cioè della sua distanza angolare dal piano dell’equatore celeste.

Oltre a questa variazione annua dell’altezza del Sole rispetto all’orizzonte, esiste anche una meno nota variazione “laterale” annuale dovuta ad un anticipo o ad un ritardo del passaggio del Sole attraverso un certo meridiano. Si tratta di un anticipo o di un ritardo rispetto ad un’ora civile di riferimento o, in generale, rispetta ad un’ora solare media.  Il valore di questa discrepanza tra ora media e ora solare vera è stata chiamata Equazione del Tempo.

 

 

 

 

 

 

 

 

da www.analemma.com

Si possono visualizzare entrambe queste “oscillazioni” fotografando il Sole in vari momenti dell’anno alla stessa ora, per mezzo di una fotocamera posizionata sempre nella stessa direzione. Sovrapponendo le immagini ottenute, si può avere l’idea del “percorso” del Sole che assume una forma a 8, chiamato analemma.

L’immagine riportata qui è stata ottenuta proprio con una tecnica simile a quella descritta, mettendo assieme varie esposizioni eseguite nel corso di un intero anno.

Vedi anche il “visualizzatore” dell’ analemma, un modulo che mostra la forma e la posizione in cielo dell’analemma solare dati un’ora civile e la posizione geografica dell’osservatore.