\(A\) e \(B\) sono le posizioni di due osservatori e \(C\) è l’oggetto osservato, l’angolo di parallasse \(p\) è l’angolo \(\widehat{ACB}\) compreso tra le due linee di visuale. Il triangolo \(ABC\) è chiamato triangolo parallattico. I due osservatori possono misurare facilmente la distanza tra loro (chiamata base) e i due angoli \(\alpha\) e \(\beta\) compresi tra le linee di visuale e la base. Con questi tre elementi si può risolvere completamente  il triangolo. Infatti, l’angolo di parallasse \(p\) si calcola per sottrazione da 180° (ricordiamo che gli angoli interni di qualsiasi triangolo sono supplementari):

$$p=180°-(\alpha+\beta)$$

Applicando poi il teorema dei seni si può calcolare sia la distanza \(\overline{AC}\) che la distanza \(\overline{BC}\):

$$\overline{AC} = \frac {\overline{AB}\sin \beta}{\sin p}$$

$$\overline{BC} = \frac {\overline{AB}\sin \alpha}{\sin p}$$