De Sphaera

Disegno di una volvella da un'edizione di "De Sphaera" del XVI secolo

Totius autem orbis terre ambitus auctoritate Ambrosii Theodosii et Eratosthenis philosophorum 252.000 stadiorum spatium continere deffinitur. Sumpto enim astrolabio sub stellate noctis claritate per utrumque mediclinii foramen polo perspecto notetur graduum in qua steterit mediclinium multitudo. Deinde procedat cosmimetra directe contra septentrionem a meridie donec in alterius noctis claritate viso ut prius polo steterit altius uno gradu mediclinium. Post hos mensus sit huius itineris spatium et invenietur 700 stadiorum. Deinde datis unicuique 360 graduum tot stadiis terreni orbis ambitus inventus erit.

De Sphaera - Giovanni di Sacrobosco (fine XII sec.-1244 o 1256)

Frontespizio di un'edizione del 1516

In verità la circonferenza di tutta la terra secondo l'autorevole parere di Ambrogio Teodosio e di Eratostene, filosofi, si stabilisce che contenga uno spazio di 252.000 stadi. Infatti dopo aver preso un astrolabio nella luminosità di una notte stellata attraverso entrambi i fori di un mediclinio [gnomone degli astrolabi normali] esaminata l'estremità dell'asse si potrebbe notare una posizione nella quale sarà stato compreso un gran numero di mediclini [gradi]. Quindi il misuratore del globo procederebbe direttamente verso settentrione da mezzogiorno finché nella luminosità di un'altra notte, esaminato l'asse come prima, il mediclinio sarà più alto di una posizione [grado]. Dopo sia misurato lo spazio di questo spostamento e si troverà che è di 700 stadi. Poi, attribuiti gli stadi a ciascuno dei 360 gradi, si troverà la circonferenza della Terra.

Traduzione effettuata da due alunni della classe IIIA, Liceo Classico "E. Q. Visconti" di Roma, con la collaborazione della prof.ssa Rosa Mogavero

http://www.hps.cam.ac.uk/starry/sacrobooks.html

http://www.hps.cam.ac.uk/starry/sacrobosco.html

da "mille anni di scienza in Italia"

http://www-history.mcs.st-and.ac.uk/history/Mathematicians/Sacrobosco.html